Sadhana Panchakam, Istruzioni agli aspiranti

VISIONAIRE.ORG

Testi del Vedanta, dello Yoga e della tradizione Hindu.

Dal 2001 Visionaire.org è scritto, illustrato, pubblicato da Beatrice Polidori (Udai Nath) ©

1. Studia le Scritture ogni giorno. Osserva i doveri prescritti in esse. Attraverso di essi onora Dio. Distogli la mente dal desiderare i frutti delle azioni. Evita tutte le azioni peccaminose. Considera la felicità mondana come fonte di dolore. Sviluppa amore verso il Sé. Abbandona la tua casa il prima possibile.

2. Cerca la compagnia di uomini pii. Sviluppa una salda fede in Dio. Con determinazione ricerca la pace della mente e prosegui il cammino. Abbandona in primo luogo le azioni egoistiche. Avvicina quindi un saggio versato nelle Scritture. Venera ogni giorno i suoi sandali. Prega per la conoscenza del Brahman, come espresso dalla sacra sillaba ‘”AUM”. Ascolta le sentenze filosofiche delle Upanisad.

3. Esplora il significato dei Mantra del Vedanta. Prendi rifugio nelle visioni tramandate nei Veda. Mantieniti distante dalle discussioni inutili. Rifletti sulle conclusioni logiche accettate dai Veda. Assumi l’attitudine di colui che sa:”Io sono Brahman”. Abbandona totalmente l’orgoglio. Smetti di pensare il corpo come il Sé. Non discutere con gli eruditi.

4. Non soffrire il disagio della fame; usa la carità come medicinale. Non cercare un pasto appetitoso. Sii soddisfatto di quello che il destino ti concede. Sopporta il caldo e il freddo come le altre coppie di opposti. Non indulgere in parole inutili. Sviluppa indifferenza e imparzialità. Ignora la gentilezza quanto la crudeltà.

5. Vivi lieto in solitudine. Concentra la mente sul Brahman Supremo. Percepisci ovunque il Sé che tutto pervade. Osserva con imparzialità questo mondo illusorio. Lascia che le tue azioni passate ti abbandonino. Nella fermezza della conoscenza, distaccati dalle azioni compiute nel passato e dal pensiero di quelle da compiere. Sopporta il Prarabdha karma (il karma accumulato in passato) che sperimenti oggi. Compiuto tutto questo, identifica il tuo stesso Sè con il Parabrahman (il Brahman Supremo, senza attributi) e resta in quella coscienza perfetta.